Perché gli incentivi a volte falliscono? I manager di fronte alla sfida del riconoscimento del merito

Posted by on 28 Luglio 2013 in Blog | 2 comments

Perché gli incentivi a volte falliscono? I manager di fronte alla sfida del riconoscimento del merito

Nelle società moderne non si usa spingere le persone a lavorare sotto la minaccia di costrizioni palesi o della violenza; spesso non si accetta neppure di buon grado di essere valutati in modo soggettivo da un capo, ritenendo questa pratica eccessivamente discrezionale ed ingiusta. Malgrado questo esiste una forte attenzione culturale verso il riconoscimento del merito, verso una certa giustizia retributiva che dovrebbe – il condizionale è d’obbligo – premiare i più capaci e volonterosi.  Nelle organizzazione questo tipo di problema viene affrontato con un apparato di tecniche manageriali declinate all’interno di un quadro normativo piuttosto complesso.

L’ideologia manageriale nata nelle aziende si è diffusa nell’intera società sostenuta da una filosofia, da metodi, strumenti e riti: essa è fondata sul calcolo, sull’efficienza, sul rapporto costi-benefici, sulla misurazione continua della performance, sull’uso sistematico di indicatori e di indici che sostituiscono di fatto il rapporto diretto con le persone. E’ fuor di dubbio che questo approccio porti dei vantaggi per le organizzazioni ma, con questi, porta anche numerosi rischi e veri e propri problemi patologici che emergono con forza particolare quando saperi nati e cresciuti nel mondo delle grandi imprese orientate al profitto vengono applicati con poco discernimento nelle piccole e medie imprese dei distretti industriali, nel mondo del non profit e nella Pubblica Amministrazione.
Che forma assume questo sapere quando viene applicato al problema delle persone che lavorano in un’organizzazione o, meglio, al cosiddetto tema della gestione delle risorse umane? Che relazione ha tutto questo con la qualità dell’offerta e il perseguimento dei fini dell’organizzazione? 

1) La disciplina del management si sa, è molto semplificatrice, orientata al concreto; adotta spesso un’immagine di essere umano riduttiva ed eccessivamente schematica. In questa prospettiva l’azione gestionale cerca di definire i comportamenti umani usando regole e norme e si sforza di influenzarli attraverso  meccanismi basati su incentivi e disincentivi il cui scopo ultimo è quello di stimolare la motivazione ed aumentare le performance.
Questo tipo di strategia si regge su due semplici assunti:

  • il lavoro comporta sforzo e fatica e le persone tendono a farlo controvoglia
  • la motivazione principale delle persone se non l’unica è rappresentata dal guadagno o dal timore di perderlo.

…è molto difficile costruire indici e meccanismi di incentivazione realmente funzionanti senza produrre effetti indesiderati…

Negli ultimi decenni dispositivi fondati su questi assunti sono entrati a far parte del senso comune (si trovano citati perfino sui giornali sportivi e di moda) ed hanno trasformato profondamente le relazioni umane contribuendo grandemente a sostenere il passaggio dalla logica del dovere, dell’onore derivante dall’applicazione impeccabile delle proprie capacità, del gusto derivante dal lavoro ben fatto, alla logica  asettica degli obiettivi e della performance basata su indici e incentivi. L’esperienza dimostra però  che queste procedure così apparentemente razionali spesso falliscono: gli uomini e le donne che vi sono sottoposti infatti, modificano  il proprio comportamento ma non necessariamente nel senso che era stato immaginato dagli “astuti” pianificatori.

Perché questo accade? Che effetti causano queste strategie razionali che sembrano nascondere ad un tempo una straordinaria presupponenza ed una altrettanto grande ingenuità? Perché malgrado tutto, tanto gli apostoli dell’ordine manageriale con i suoi metodi di gestione, azione e valutazione, quanto la vulgata comune continuano a credere nell’assoluta necessita di misurare e premiare il merito? Per dirimere almeno in parte la questione conviene concentrare l’attenzione sulla motivazione (che è l’altra faccia del bisogno) e sull’ambiente di regole dove le persone agiscono.

2) Contrariamente ad alcuni pregiudizi le persone agiscono in base ad (almeno) due tipi di motivazione molto diverse tra di loro:

  • la motivazione intrinseca legata al gusto di fare qualcosa che piace e da soddisfazione;
  • la motivazione estrinseca connessa al posporre la soddisfazione e sostituirla con guadagni successivi solitamente di tipo monetario.

Questi due tipi di motivazione rispondono a bisogni personali molto differenti e non sono sommabili tra di loro:  azioni come il dono, l’altruismo, il volontariato o il rispetto delle norme sociali, la responsabilità verso l’ambiente e il rispetto verso le culture, sono fondate su motivazioni intrinseche delicate e complesse. Introdurre la remunerazione economica in tale sistema – come mostrano esemplarmente le ricerche condotte da Bruno Frey – è non solo inutile ma anche dannoso: un pò di azione interessata immessa in un sistema disinteressato è sufficiente a distruggerlo.

Incentivo

3) Un organizzazione è composta da più persone; al suo interno tuttavia le modalità con cui queste interagiscono sono diverse:

  • in alcuni casi lavorano  in gruppo (con altre persone)
  • in altri casi in relativa autonomia (accanto ad altre persone).

Costruire indici e meccanismi di misurazione della performance nei due casi è molto diverso. Sembrerebbe logico affermare che il lavoro di squadra richieda incentivi collettivi (evitando con cura quelli personali) mentre per l’altro tipo di lavoro meglio si adattino incentivi individuali. Tuttavia non è detto che i due sistemi funzionino sempre. Per quanto riguarda il primo la letteratura è concorde nel mettere in risalto come nel gruppo possa annidarsi il passeggero clandestino che approfitta degli sforzi degli altri ed è del pari noto il fenomeno della regressione della performance verso  la media, dove i più capaci abbassano la propria prestazione e si adattano a fare meno di quello che potrebbero o perdere addirittura la propria motivazione.

4) Un incentivo è una forma premiante che implica regole ed una certa competizione; tuttavia per vincere il premio:

  • si può correre più forte degli altri
  • si può sabotare l’azione degli altri concorrenti.

Nelle organizzazioni a volte è l’eccesso di concorrenza che mette le persone a lavorare le une contro le altre, distruggendo quella fiducia che è indispensabile al lavoro di squadra. E’ quello che accade quando, non essendo possibile confrontare performance in rapporto a prestazioni specifiche ed oggettive, si confrontano le persone per ordinarle lungo una graduatoria: una strategia che impatta pesantemente sulle emozioni e che tende a distruggere lo spirito di squadra e a favorire l’imbroglio.

5) Indici ed incentivi vengono sempre inglobati nelle strategie personali dei diversi attori sociali e vengono considerati come vincoli ed opportunità; in tale situazione alcuni

  • tendono a spostare l’attenzione  dalla reale qualità del lavoro alla massimizzazione degli indici stessi e
  • ad eliminare quelle componenti del lavoro che non sono espressamente riconosciute dalle misurazioni.

Si tratto di un rischio gravissimo che investe proprio quelle mansioni multitasking (per loro natura complesse e difficili) che riguardano gran parte dei processi di lavoro che sono tipici del mondo dei servizi e, più in generale, dei nuovi contesti lavorativi.

Di fronte a queste difficoltà potrebbe sembrare buona cosa ridare valore al giudizio dei capi, a quello dei superiori. Questo giudizio tuttavia è particolarmente soggettivo, non è verificabile ed è esposto agli inganni dei furbi e ai raggiri degli adulatori e dei ruffiani (yes men). Senza nulla togliere all’utilità potenziale della valutazione basata su indici e su incentivi il quadro che emerge è tutt’altro che chiaro ed omogeneo come mostra esemplarmente la raccolta di casi riportata nel saggio le strategie assurde della sociologa aziendale Maya Beauvallet (le cui tesi sono qui liberamente riprese). Si intuisce piuttosto l’esistenza di un pregiudizio meccanicista, retaggio della vecchia cultura industriale e burocratica, che rappresenta un po’ il trionfo della  logica della gestione su quella della leadership. Emerge insomma (e con molta chiarezza) che il tema della misurazione della performance per il riconoscimento di incentivi in grado di contribuire a migliorare la qualità del servizio (o prodotto) offerto è tutt’altro che di facile soluzione. Prima di predisporre un meccanismo di incentivi o un indice è importante dunque considerare gli effetti imprevisti e quelli perversi che può produrre in varie parti del sistema e, inoltre,  gli effetti collaterali che possono gravare anche sui soggetti non direttamente interessati come i cittadini e i pazienti, i clienti, gli utenti dell’organizzazione che attiva il sistema di indici ed incentivi.

Se sei un manager o un dirigente, prima di farlo, pensaci bene! Passaparola!

2 Responses to “Perché gli incentivi a volte falliscono? I manager di fronte alla sfida del riconoscimento del merito”

  1. avatar
    Catina Balotta says:

    Io sono veramente stufa di gente che cerca di approfittare delle situazioni organizzative competitive, spostando la sua fatica dalla prestazione alla adulazione di colui che si ritiene in grado di garantire privilegi. Allo stesso modo non se ne può più di gente che cerca continuamente di sabotare i competenti. Per invidia, per arrivismo o semplicemente per triste opportunismo. MI piacerebbe che ci fosse un’occasione per approfondire questi temi. Parliamone seriamente.

  2. molto interessante anche perché un problema tipico delle aziende medie. Forse avrei aggiunto il senso di appartenenza come incentivo, appartenenza a un collettivo di prestigio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il presente sito fa uso di cookie. Si rinvia all'informativa estesa per maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi