15 suggerimenti ragionevoli per umanizzare il processo di valutazione

Posted by on 17 Settembre 2010 in Blog | 0 comments

15 suggerimenti ragionevoli per umanizzare il processo di valutazione

Volente o nolente la società è un contesto morale popolato da valori, norme e regole che dicono “cosa è bene e cosa è male”; ognuno di noi ha le proprie idee in proposito e giudica gli eventi e le persone in base a criteri che spesso sono sfocati e non  espliciti; la letteratura può aiutare a fare un pò di chiarezza ma resta il fatto che il tema deve essere affrontato con attenzione e sensibilità.

Mi piace l’idea che la valutazione abbia numerosi punti di contatto con l’etica applicata e, allo stesso tempo, con le procedure cognitive quotidiane e ingenue che permettono a chiunque di definire ciò che è “buono o cattivo”, “giusto” o “sbagliato”. L’azione del valutare ha certamente a che fare con valori e principi etici che di quella rappresentano lo sfondo e la cornice: una certa conoscenza o, quantomeno, una forte sensibilità nei riguardi di questi temi, rappresenta una componente del sapere di ogni buon valutatore. Se è possibile condensare parte di questo sapere intorno a 5 criteri etici (conseguenza, dovere, diritti, giustizia sociale e cura) è anche necessario mettere in risalto le attenzioni che devono accompagnare un buon uso pratico di ognuno di essi. Ecco qualche possibile suggerimento.

i) Se ti senti più vicino/a a quanti usano il criterio delle conseguenze, che ha la sua forza nei requisiti di calcolabilità, nella centratura sui risultati e sugli obiettivi,

1) presta particolare attenzione a non violare l’equità e la giustizia sociale;

2) verifica che non siano stati lesi i diritti di altri e

3) sforzati di comprendere quali sono tutti i possibili effetti di un azione con riferimento  particolare a quelli impreviste ed inattesi.

ii) Se ti senti più vicino/a a quanti usano il criterio del dovere, che ha la sua forza nella chiarezza delle aspettative e nella puntuale definizione che viene data alle relazioni contrattuali e professionali,

4) presta particolare attenzione a non trascurare i diritti degli stakeholders;

5) non enfatizzare troppo la (tua) prospettiva professionale (in particolare se sei un dirigente o un manager e

6) curati di non trascurare i fini generali in ossequio ai principi dai quali scaturiscono i doveri e le norme.

iii) Se ti senti più vicino/a a quanti usano  il criterio dei diritti, che ha la sua forza nella chiarezza con cui fissa degli standard comportamentali e nella tutela basilare che garantisce agli individui,

7) presta particolare attenzione al fatto che i diritti non sono mai assoluti,

8 ) che possono essere in conflitto tra di loro;

9) e che bisogna considerare sempre con attenzione il principio di equità sociale.

iv) Se ti senti più vicino/a a quanti usano il criterio della giustizia sociale, che ha la sua forza nella attenzione con cui considera il modo attraverso cui i beni vengono distribuiti equamente,

10) presta particolare attenzione al possibile scivolamento da un ruolo “neutro” a quello di  difensore o sostenitore degli “svantaggiati”;

11) presta attenzione a non enfatizzare il diritto all’equità a scapito dell’impegno e della creatività delle persone, infine,

12) guarda con attenzione ai diritti di tutti  gli stakeholders.

v) Se ti senti più vicino/a a quanti usano il criterio della cura, che ha la sua forza nella attenzione al contesto e nella sensibilità con cui tratta le relazioni,

13) presta particolare attenzione  al rischio di relativismo,

14) alla difficoltà di generalizzare e confrontare i risultati ottenuti;

15) ricorda che non sempre è facile trovare e praticare il miglior modo di “prendersi cura” in uno specifico contesto.

Tutto questo rende l’operazione del valutare ben più complessa rispetto ad una applicazione puramente tecnica di strumenti e metodi codificati  e la trasforma in una attività critica e riflessiva aperta. A molti piace proprio per questo, altri, proprio per questo, non la comprendono.

No Responses to “15 suggerimenti ragionevoli per umanizzare il processo di valutazione”

Trackbacks/Pingbacks

  1. Come prendere decisioni etiche nei processi di valutazione: 5 suggerimenti e qualche domanda | Valut-Azione.net - [...] interazione di sistemi di regole diversificate. In questi casi diventa necessario il riferimento a principi e  teorie etiche generali…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il presente sito fa uso di cookie. Si rinvia all'informativa estesa per maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi