Analisi PEST

L’analisi PEST  è una metodologia che si basa su alcune variabili del contesto che riescono a tratteggiare lo scenario esistente nell’ambiente in cui opera l’organizzazione. Si tratta di una analisi  il cui scopo è quello di individuare quali variabili possono essere rilevanti nel processo decisionale, nelle scelte strategiche ed operative dell’organizzazione. Essa può essere sviluppata anche in chiave prospettica con lo scopo di individuare i principali elementi di discontinuità con i quali ci si vuole confrontare. L’analisi è focalizzata sulla  valutazione di quattro variabili macro-ambientali:

  • Politica. Il contesto politico può condizionare il contesto generale e il settore di appartenenza attraverso provvedimenti legislativi che ne regolamentano il funzionamento.
  • Economia. La situazione economica può influenzare le scelte e le strategie dell’organizzazioni condizionando ad esempio la capacità di accesso al credito o la capacità di spesa di utenti e clienti o delle stesse amministrazioni.
  • Società. Le tendenze sociali e culturali, i cambiamenti negli atteggiamenti e nelle percezioni dei cittadini rispetto a certi temi, oppure cambiamenti nella struttura socio-demografica della società  possono avere effetti significativi sulla domanda e sulla offerta di beni e servizi.
  • Tecnologia. Le dinamiche tecnologiche con l’irrompere di nuove tecnologie e nuove infrastrutture (si pensi alla digitalizzazione) possono modificare radicalmente l’ambiente in cui l’organizzazione agisce.

L’analisi SLEPT unisce alle precedenti quattro variabili il fattore legale

  • Legale. I cambiamenti nelle normativa e nella giurisprudenza, nelle regole di funzionamento degli uffici giudiziari e altro, possono avere impatti rilevanti sull’ambiente dove agisce l’organizzazione.

L’analisi STEEPLE unisce ai cinque precedenti fattori gli aspetti ambientali ed etici per un totale di sette variabili macro-ambientali.

  • Ambiente. Le modifiche ambientali, al di la delle normativa, possono influenzare l’operato dell’organizzazione modificando alcune condizioni di funzionamento, ad esempio per la sopravvenuta carenza di risorse.
  • Etica. Al di la di quanto previsto dalla normativa, che ovviamente deve essere rispettata, certi tipi di comportamenti organizzativi possono essere giudicati negativamente dal punto di vista etico da parte di stakeholders importanti e/o influenti.

L’analisi PEST (così come le altre due derivate da essa) consente di mettere in risalto le opportunità e le minacce che si trovano nell’ambiente (esterno) e può quindi essere usata insieme e prima dell’analisi SWOT.

Analisi ed utilizzo

Solitamente le quattro variabile del macro-ambiente non possono essere dominate direttamente: con esse però bisogna fare i conti per individuare, in ognuno dei campi, ciò che rappresenta una opportunità e ciò che rappresenta una minaccia nel presente e, soprattutto, nel futuro.

I limiti dell’analisi PEST

L’analisi PEST manifesta la sua utilità solo se a partire da essa viene sviluppata una strategia operativa, che viene cioè concretamente implementata, gestita e valutata in funzione dei risultati che raggiunge. Per far questo è necessario conoscere in modo approfondito i punti di forza e di debolezza dell’organizzazione.


Il presente sito fa uso di cookie. Si rinvia all'informativa estesa per maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi